Adesione


COME ADERIRE ALL’E.B.A.S.

Articolo 6 – Aderenti e destinatari delle provvidenze
1. Sono aderenti e destinatari:
– Tutte le imprese artigiane e forme associate, aventi i requisiti di cui alla Legge 443/85 e successive modificazioni o leggi sostitutive, che applicano un CCNL del settore artigiano;
– Nonché le imprese o unità produttive non artigiane che comunque risultino iscritte ad una delle Organizzazioni Artigiane Socie e/o alle Organizzazioni ad esse aderenti, con le modalità previste dagli accordi in essere.
2. Sono inoltre destinatari: – i dipendenti delle imprese di cui sopra, in forza o comunque identificati dai regolamenti in vigore.

3. Tutte le imprese sono iscritte all’EBAS dal momento della loro adesione, tramite versamenti delle quote, ad uno o più fondi gestiti in modo diretto o indiretto dall’EBAS. Ad ogni impresa iscritta e ad ogni suo dipendente, l’Ente attribuisce un numero progressivo con relativo codice che verrà mantenuto fino alla cessazione del rapporto.

4. Il Comitato di Gestione dell’EBAS, predisporrà un apposito modello di adesione, il quale dovrà essere sottoscritto dalle imprese, alle quali verrà successivamente rilasciata un’attestazione dell’avvenuta iscrizione all’EBAS.
5. Alle imprese di cui al presente articolo, previa richiesta delle stesse, il Comitato di Gestione, provvederà a rilasciare idonea certificazione liberatoria attestante il versamento ai fondi previsti dai vari istituti contrattuali.

Articolo 7 – Sospensione e Cessazione dell’iscrizione

  1. L’impresa non in regola con i versamenti ad uno o più Fondi di pertinenza contrattuale è sospesa dall’iscrizione. In tal caso il Comitato di Gestione deve provvedere al sollecito dei pagamenti.
  2. L’impresa sospesa non ha diritto, fino alla regolarizzazione, alla erogazione dei contributi per sé e per i propri dipendenti nonché alla certificazione di regolarità presso gli Enti Pubblici. 
  3. La cessazione del rapporto di iscrizione avviene in seguito allo scioglimento dell’EBAS o alla cessazione dell’impresa stessa. 
  4. In caso di cessazione dell’iscrizione, le imprese non avranno diritto a trasmettere ad altri la propria quota, né ad alcun rimborso per quote associative e/o contributi versati, fermo restando il mantenimento delle obbligazioni pregresse derivanti dalla adesione all’EBAS.

Scarica gli allegati:
Modello di adesione – Allegato A

Comunicazione variazione dati – allegato A1

Scheda dati dipendenti – allegato L2 in versione excel (.xls)

Versamento delle quote

NOTA BENE
Le quote versate mediante F24 vanno inserite nell’UNIEMENS. Tramite questo documento l’Ente attribuisce al lavoratore il versamento garantendone il diritto alle prestazioni. Nel caso di mancata riconciliazione dei dati F24 e UNIEMENS tale diritto non è più garantito.

Modulo di istruzioni UNIEMENS

 

Si informa, inoltre che è possibile effettuare:
RICHIESTE DI RIMBORSO per versamenti non dovuti;
COMPENSAZIONI (es. nei casi di duplicazione di versamento, errato importo, etc.);
RETTIFICHE di periodi errati (es. Novembre 2001 periodo esatto: Gennaio 2011).

Clicca qui sotto per maggiori informazioni

Procedura per il rimborso di somme non dovute all’E.B.N.A. per versamenti erronei, duplicati o indebiti.

A partire dal 20/06/2012, in seguito alla Convenzione sottoscritta dall’E.B.N.A. (Ente Bilaterale Nazionale Artigianato) e dall’E.B.A.S. (Ente Bilaterale Artigianato Sardegna), le domande di rimborso di quote non dovute all’E.B.N.A. per versamenti erronei, duplicati o indebiti dovranno essere presentate direttamente all’Ente Bilaterale Regionale competente per territorio.

Il rimborso potrà essere richiesto nei seguenti casi:

– versamento di contributi obbligatori INPS con erronea causale “EBNA”; – duplicazione di contributi dovuti all’EBNA; – versamento di contributi all’EBNA nel caso di applicazione di CCNL che non hanno aderito alla bilateralità; – versamento all’EBNA di importi superiori a quelli dovuti; – versamento indebito degli importi relativi alle quote RLST.

Oltre al rimborso di quote versate indebitamente, potrà essere fatta richiesta di compensazione o rettifica. La compensazione potrà essere richiesta nei seguenti casi: duplicazione di versamenti; versamento di importi errati. La rettifica, invece, potrà essere richiesta nel caso sia stata indicata in F24 una competenza errata (per esempio Novembre 2001 anziché Gennaio 2011). Nel caso di compensazioni, ossia di versamenti inferiori a quelli dovuti compensati con quote versate in più nei mesi precedenti, nel modello Uniemens dovrà comunque essere indicato, per ogni dipendente, l’intero importo dovuto.

Nel caso di versamenti con causale diversa da “EBNA”, l’azienda potrà procedere al recupero delle somme versate indebitamente sulla base delle procedure previste dall’INPS e, per quanto ci riguarda, dovrà reiterare il versamento con la causale esatta. L’azienda, in questo caso, perché possa considerarsi regolare nei versamenti all’Ente Bilaterale, dovrà inviarci un’apposita comunicazione, specificando l’errore commesso e allegandovi sia copia dell’F24 in cui è stato commesso l’errore e sia copia dell’F24 in cui è stato ripetuto correttamente il versamento.

Procedura. La richiesta di rimborso, compensazione o rettifica, compilata utilizzando il modulo predisposto dall’EBNA e sottoscritta dal rappresentante legale dell’azienda, dovrà essere inviata all’Ente Bilaterale Regionale competente per territorio, cioè all’EBAS, entro 36 mesi dall’errato versamento. Alla richiesta dovrà essere allegata la seguente documentazione: fotocopia del documento di identità del legale rappresentante dell’azienda; fotocopia del modello F24 in cui è stato effettuato il versamento. Nel caso di duplicazione del versamento inserire entrambi gli F24. Nel caso, invece, di versamento di contributi obbligatori con erronea causale “EBNA”, dovrà essere allegata anche copia dell’F24 versato indicando la causale corretta, cioè “EBNA”; fotocopia del modello UNIEMENS o Attestazione della Denuncia Contributiva del periodo di riferimento del versamento; idonea documentazione attestante l’eventuale applicazione di CCNL che non hanno aderito alla bilateralità.

Clicca qui per scaricare il modulo di rimborso

Clicca qui per scaricare il modulo per compensazioni/rettifiche

Le istanze verranno istruite dall’EBAS sulla base della documentazione fornita. Le rettifiche e le compensazioni saranno effettuate direttamente dallo stesso Ente Bilaterale Regionale, così come anche il rimborso delle quote versate indebitamente per il Rappresentante della Sicurezza Territoriale, e ne sarà fatta comunicazione all’EBNA. Per tutti gli altri rimborsi, invece, una volta esaurita la fase istruttoria, l’EBAS provvederà a trasmettere all’EBNA le istanze per la verifica finale e la successiva liquidazione.

Programma 21-22 Giugno 2018
GIOVEDÌ 21 GIUGNO 2018

Arrivo degli ospiti e sistemazione in hotel

Ore 15:00
Incontro in hotel e partenza per visita guidata ai quartieri storici di Cagliari (riservata ai delegati degli Enti)

Ore 17:30
Rientro in hotel

Ore 19:00
Incontro in hotel e partenza per visita alle Cantine Argiolas di Serdiana

Ore 21:00
Cena di benvenuto presso Cantine Argiolas di Serdiana

Ore 23:00
Rientro in hotel

VENERDÌ 22 GIUGNO 2018

Ore 9:00
Incontro in hotel e partenza per la sede del convegno (Convento San Giuseppe, via Paracelso snc prolungamento via Parigi – Cagliari)

Ore 9:30
Registrazione partecipanti

Ore 09:45
Apertura lavori, intervengono: Marianna Orrù (Presidente EBAS), Dario Bruni (Presidente EBIART)

Ore 10:00
Presentazione dello studio: “Bilateralità artigiana: contrattazione decentrata tra nuovi scenari negoziali e crescente impatto sociale del welfare contrattuale” a cura del Centro Studi Industriali dell’Università di Cagliari. Si confronteranno sul tema la Prof.ssa Roberta Nunin dell’Università degli Studi di Trieste e il Prof. Marco Lai dell’Università degli Studi di Firenze

Ore 10:45
Coffe break

Ore 11:00
Consegna premio “VentiVenticinque” – Assegnato all’impresa e al lavoratore iscritti da più tempo all’EBAS

Ore 11:30
Tavola rotonda: intervengono le Parti Sociali Nazionali
Moderatore: Francesco Giorgino

Ore 13:15
Conclusione lavori, intervengono: Fabrizio Carta (Vicepresidente EBAS), Emanuele Iodice (Vicepresidente EBIART)

Ore 13:30
Lunch buffet

×
Programma
VENERDÌ 22 GIUGNO 2018

Ore 9:15
Incontro nella sede del convegno: Convento San Giuseppe, via Paracelso snc prolungamento via Parigi – Cagliari

Ore 9:30
Registrazione partecipanti

Ore 09:45
Apertura lavori, intervengono: Marianna Orrù (Presidente EBAS), Dario Bruni (Presidente EBIART)

Ore 10:00
Presentazione dello studio: “Bilateralità artigiana: contrattazione decentrata tra nuovi scenari negoziali e crescente impatto sociale del welfare contrattuale” a cura del Centro Studi Industriali dell’Università di Cagliari. Si confronteranno sul tema la Prof.ssa Roberta Nunin dell’Università degli Studi di Trieste e il Prof. Marco Lai dell’Università degli Studi di Firenze

Ore 10:45
Coffe break

Ore 11:00
Consegna premio “VentiVenticinque” – Assegnato all’impresa e al lavoratore iscritti da più tempo all’EBAS

Ore 11:30
Tavola rotonda: intervengono le Parti Sociali Nazionali
Moderatore: Francesco Giorgino

Ore 13:15
Conclusione lavori, intervengono: Fabrizio Carta (Vicepresidente EBAS), Emanuele Iodice (Vicepresidente EBIART)

Ore 13:30
Lunch buffet

×